Servizi efficienti, finanze solide e ambiente sostenibile, i nostri valori per la nostra comunità.

Con Voi per Manno. Ripartiamo!

corner
corner

18 aprile 2021

Elezioni comunali

corner
corner

Finanze sane. Un patrimonio nostro, da difendere!

Il PLR da decenni si è assunto la responsabilità delle finanze del nostro Comune. Da tempo il nostro Comune gode di una situazione finanziaria stabile, che ha garantito alla popolazione ed alle aziende uno dei moltiplicatori d’imposta più bassi del Cantone, senza dover rinunciare a servizi o infrastrutture di qualità.

Grazie a prudenza e oculatezza a medio-lungo termine e soprattutto grazie a scelte ponderate contribuiamo a garantire benessere e qualità di vita per la comunità di Manno.  Come sapete, recentemente il nostro Partito ha promosso il referendum contro il credito di quasi 5 milioni di franchi che la

maggioranza del Consiglio comunale aveva concesso per la costruzione di un nuovo “Centro polifunzionale Bellavista”.

Recentemente è stato pubblicato il Consuntivo 2020, che presenta risultati positivi, utilizzati da alcuni gruppi e da alcuni candidati con il facile slogan “i soldi ci sono, quindi costruiamo”. È davvero così?

Come leggere il Consuntivo 2020 del nostro Comune?

Il Consuntivo chiude con un risultato positivo di CHF 1‘638‘662.10. Le sole sopravvenienze fiscali (imposte relative ad anni precedenti) sono ammontate nel 2020 a ben CHF 1‘830‘017.--. Per gran parte questi ricavi non si ripeteranno, perchè le aziende che li hanno pagati hanno nel frattempo già spostato la sede fuori dal nostro Comune. Senza questi ricavi straordinari ed unici, il Consuntivo avrebbe chiuso in perdita per ca. CHF 200‘000.--.

A questo fatto si sono poi aggiunti diversi altri fattori straordinari (per esempio minori costi a causa della pandemia e ridotti contributi

fatturati dal Cantone in conseguenza della riduzione del gettito fiscale registrata negli ultimi anni).

Il risultato è dunque positivo, ma a causa di fattori straordinari che non si potranno ripetere e su cui quindi non si potrà più contare. Per contro, le prospettive sono assi critiche. Prova ne sia il fatto che tra il 2014 e il 2020 il gettito comunale d’imposta accertato si è dimezzato, passando da 15.8 a 8.1 milioni di franchi. Se non è stato necessario ridurre i servizi, questo è stato possibile solo grazie alle riserve accumulate in passato ed all’aumento del moltiplicatore d’imposta dal 60 al 65% nel 2015.

Gettito d‘imposta comunale

gettito_imposte.png

Consuntivo 2020

consuntivo.png

Nel consuntivo 2020 sono già visibili gli effetti della pandemia?

No, perché il gettito fiscale può essere valutato in modo attendibile solo con un ritardo di 2-3 anni. Le conseguenze finanziarie legate

alla pandemia - che si prospettano sin d’ora assai pesanti - inizieranno verosimilmente ad essere concrete a partire dal preventivo 2022.

Che effetto hanno gli investimenti sui conti del Comune?

Gli investimenti non sono gratuiti: comportano costi di gestione corrente (spese di riscaldamento e di gestione, manutenzione e personale), ammortamenti e interessi passivi. Un costo medio pari al 5% annuo è del tutto plausibile, per investimenti come quelli recentemente votati per la realizzazione della seconda sezione della scuola dell’infanzia e per il centro polifunzionale Bellavista. Tradotto in cifre, questi due investimenti da soli comporterebbero una maggior spesa annua valutabile in almeno 400‘000 (se

non 500‘000) franchi annui. Questi importanti costi andrebbero ad ingrossare ulteriormente un disavanzo già prevedibile, se non fosse per i ricavi straordinari già citati.

E se ciò non bastasse, ricordiamoci che nel nostro Comune nei prossimi anni saranno comunque necessari importanti investimenti, per decine di milioni di franchi, per opere già decise che giungeranno presto a realizzazione o dovranno essere avviate con urgenza, quali ad esempio:

- il risanamento energetico del centro comunale e delle scuole elementari;

- il Piano particolareggiato “Piana-Caminada-Cairelletto” (la sistemazione del comparto antistante lo stabile UBS, per il quale è stato inizialmente stimato un investimento complessivo di quasi 13 milioni di franchi);

- la partecipazione ai costi per la realizzazione della nuova rete tram-treno (per la quale il Comune è chiamato a contribuire nell’ambito di un complesso di opere inerenti alla mobilità e ai trasporti per CHF 7‘236‘000), altri ancora.

Il moltiplicatore potrebbe essere a rischio di un aumento?

La conseguenza di conti squilibrati e investimenti eccessivi? Se non si effettuano ora scelte chiare di priorità, l’aumento delle imposte comunali sarà inevitabile. Aumentare le imposte è però a nostro avviso l’ultima cosa da fare in un periodo di grande difficoltà economica per i cittadini e per le imprese. Semmai i soldi destinati al progetto Bellavista andrebbero utilizzati per sostenere ulteriormente e rapidamente l’economia - come suggerito tempestivamente dal PLR lo scorso anno e concretizzato con un messaggio di aiuti a cittadini ed aziende celermente realizzato - oppure con una riduzione del moltiplicatore che si potrebbe finanziare con la

rinuncia o la sospensione di opere non prioritarie.

La situazione finanziaria del nostro Comune oggi è solida e la liquidità è importante. Questo è stato raggiunto grazie ad una politica prudente, che oggi permette di mantenere il moltiplicatore d’imposta al 65%. Basti dire che il moltiplicatore d’imposta necessario per pareggiare i conti a preventivo per il 2021 dovrebbe essere - secondo il Municipio - pari al 92%!

La liquidità e le riserve accumulate ci danno la garanzia di poter sostenere gli investimenti prioritari per il Comune. Non sprechiamole!

Scelte di priorità sbagliate e investimenti non necessari porteranno

a dover aumentare il moltiplicatore d’imposta, con conseguenze a catena (aumento delle imposte per gli abitanti e per le aziende; fuga di imprese interessanti verso Comuni fiscalmente più attrattivi, etc.).

Non facciamo scelte che ci potrebbero costare care, optiamo per la prudenza, per la continuità, per la serietà e per la competenza.

Questo significa guardare al futuro valutando attentamente la situazione e le conseguenze delle decisioni. Significa pure essere attenti a quanto ci sta intorno, a quanto sta succedendo nel mondo reale. In tempi complicati stare con i piedi ben piantati per terra è una qualità!